Modulo 5 / Eterotopie di Welfare, Rigenerazione, Coesione Sociale

Nel tempo della diffusione di muri, barriere e confini si affermano dispositivi segreganti e totalitari, è possibile la pratica di un welfare di comunità territoriale e non assistenziale?

Indagheremo le esperienze di rottura di questo modello dominante, rintracciando i pilastri che rendono trasferibili le buone prassi nella direzione di un welfare inteso come sviluppo locale ecologicamente e socialmente sostenibile.

Le politiche sociali sono strettamente connesse ad altre dimensioni, casa, ambiente, lavoro, cultura: probabilmente per affermare una diversa e complessa azione di promozione dei diritti sociali è necessario promuovere una figura professionale in grado di connettere queste diverse aree e facilitare i processi generativi di un nuovo welfare.

Rispondere alle emergenze sociali richiede una conoscenza ampia delle istanze dei territori, dei sistemi amministrativi e dei cambiamenti normativi intervenuti, ma per rinnovare l’intero sistema delle politiche sociali è indispensabile riconoscere le pratiche innovative e i loro processi di valutazione. Per questo il modulo indagherà i sistemi di valutazione di impatto sociale, così come già avviati e proposti nell’ambito di esperienze sociali formali (CNCA) informali (occupazioni abitative) e in collaborazione con la facoltà di Economia di Tor Vergata.

 

 

MODULO 5 / Welfare, Rigenerazione, Coesione Sociale
/ Cfu 6 / Ore 60 di cui 36 frontali

dal 6 aprile al 5 maggio

Coordinatrice: Simona Panzino, in collaborazione con CNCA

Docenti: Simona Panzino, Livia Turco, Lavinia Pastore, Silvano Falocco, Carlo De Angelis  |  Sono invitati: Mimmo Lucano, Marco Vincenzi, Pierfrancesco Majorino