master-environmental-humanities-banner
logo master Environmental Humanities - Studi del Territorio
Modulo 5 Stalker

Modulo 6
Stalker

MODULO 6
Stalker

Modulo 5 Stalker

Stalker opera una ricerca fondata sulla pratica del camminare lungo i margini e attraverso i confini della spazialità contemporanea, rifiutandone le logiche escludenti, speculative e spettacolari. Una pratica che porta ad abitare i luoghi con chi li abita, in maniera incerta, nomade, per trasformarli nel teatro di una azione creativa collettiva, che partendo dall’esplorazione delle pratiche di sopravvivenza e delle forme di autorganizzazione le metta in tensione con memorie rimosse ed immaginari mitopoietici nel tentativo di “estendere il reale al possibile” rendendolo fertile ad una rinnovata azione condivisa, tesa ad un cambiamento desiderabile. Per il modulo Stalker proponiamo di condividere per una settimana intensiva una pratica di ricerca e formazione che incrocia i percorsi dell’arte e della scienza, nel tentativo di educarci ad una nuova ecologica relazione con il mondo non umano, relazione che crediamo fondamentale per non soccombere ai cambiamenti climatici in atto. L’agency di Stalker è la cura, la tutela e la conoscenza di questo mondo emergente, spontaneo e creativo così importante per il futuro di Roma e del pianeta che abbiamo chiamato D.A.F.N.E. (Danni Ambientali e Formazione di Nuovi Ecosistemi).

Il tema di quest’anno (2024). Elementi#2 – Terra

Movimento Terra

L’ipotesi di partenza della ricerca/azione del modulo Stalker è che Roma sia una forma di vita complessa, un ecosistema simpoietico, con una propria organizzazione emergente capace di evolvere spontaneamente e autorigenerarsi. Un eco-mito-sistema in cui la componente umana ha un ruolo fondamentale ma non il dominio. Sono centinaia i siti a Roma rigeneratisi spontaneamente, conseguenza dell’abbandono dopo lo sfruttamento umano, cave dismesse, fabbriche e altri luoghi vilipesi. Sono i luoghi più vitali e necessari alla rigenerazione ecologica dell’ecosistema Roma. Costituiscono ambienti rifugio delle forme di vita più diverse, costrette a trasformarsi e innovarsi per convivere. Ambienti in cui l’uomo perde il dominio dello spazio e del tempo in uno spaesamento, spesso ritratto come felice (l’Arcadia greca e il Latium virgiliano), in cui tornare a tessere relazioni con gli altri e con altre forme di vita per riabitare insieme, sopravvivendo alla transizione ecologica, un mondo nuovo.

Per l’edizione 2024 con ”Movimento Terra,” esploreremo luoghi che si sono trasformati nel tempo per l’azione antropica di movimentazione della terra, sia come pratica di “svuotamento” che di “riempimento”. Roma è un comune con elevatissima e diversificata attività estrattiva, sono tanti i siti “svuotati” per l’estrazione di tufo, pozzolana, ghiaia, travertino, selce. Per “riempimento”, intendiamo invece diverse attività quali la movimentazione terra dei cantieri, l’accumulo e la dispersione di inerti e le discariche abusive e ufficiali, come il monte dei Cocci a Testaccio o la più recente e famigerata “valle dei frigoriferi” verso Tivoli. In entrambi i casi, pratiche di azione umana di riempimento e svuotamento di luoghi poi dismessi, hanno generato ambienti sospesi tra inquinamento e rigenerazione spontanea, tra bonifica e risanamento naturale (natural remediation). Nuovi paesaggi artificiali che, nella storia geografica, ambientale e sociale della città, hanno costruito nuovi ecosistemi e nuove connessioni ecologiche. Nell’ambito del programma Settembre, Selvatico, Stalker avviato nel 2020, il modulo propone di esplorare luoghi e modi con cui si generano questi ecosistemi urbani emergenti intenti a rigenerare la biodiversità, i rapporti tra questi e le comunità locali che ne prendono coscienza e ne partecipano il divenire creativo, immaginando strategie situate per difenderli dalla urbanizzazione incosciente, esplorando le possibilità di comprenderli, averne cura e narrarli.

Sono stati docenti del modulo:

Silvia Bagni, Leila Bensalem, Simone Borelli, Centro di Documentazione Maria Baccante – Archivio Storico della Viscosa, Valeria Cirillo, Emanuele Dattilo, Dan Diffendale, Patrick Düblin, Monica Ferrando, Forum Territoriale Parco delle Energie, Silvio Galeano, Rosa Jijon, Genevieve Kinet, Peter Lang, Lorenzo Manni, Francesco Martone, Markie Miller, Luca Saltalamacchia, SUN Scuola di Urbanesimo Nomade, Philip Ursprung, Alessandra Valentinelli, Sarah Vanuxem, Allan Wei.

MODULO 6 / STALKER
Cfu 6 / Ore 60

Dal 23 settembre al 28 settembre 2024 (settimana intensiva)

Coordinamento: Giulia Fiocca, Lorenzo Romito

Programma del modulo

Bibliografia di riferimento

presto disponibile